Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog di cuochinonsinasce.it

Blog di cuochinonsinasce.it

Blog di cucina per chi ama la buona tavola, fatto di ricette facili, sicure (tutte sperimentate) che stupiranno i tuoi ospiti!

Pubblicato su da cuochisidiventa-it
Con tag : #secondi di pesce

sgombri-corri-1.jpg

 

foto C.Sechi

 

Non ricordo quanto tempo sia passato, trent'anni, forse qualcosa di più, è stato il mio primo viaggio in Inghilterra,  più di un mese a tu per tu con un'isola meravigliosa. Ero approdata da non più di una settimana lasciandomi alle spalle un luglio particolarmente assolato, Lady Diana e il principe Carlo si erano sposati da pochi giorni ed i festeggiamenti erano ancora in corso.  Gli inglesi sembravano impazziti, ipnotizzati dalla coppia reale, rimanevano ore seduti in un pub col naso all'insù a guardare e riguardare il filmato del royal wedding che la TV trasmetteva in continuazione; il nostro girovagare ci portò a Ullapool, in Scozia, un piccolo villaggio sferzato da un vento gelido accompagnato dalla celebre pioggerellina scozzese. Nonostante il clima  non promettesse niente di buono, il posto era incantevole, piccole case a schiera ognuna con porte e finestre dipinte con colori sgargianti, pubs bui e cupi dove anziani signori in kilt, pipa in bocca e cagnolino sotto il tavolo, passava le serate sorseggiando birra; un porto pieno di pescherecci ed un molo affollato di ragazzini che, in barba al tempo inclemente, pescava  in tutta tranquillità.

Il caso volle che nella mia passeggiata in paese mi imbattessi in  un negozio di caccia e pesca che aveva in vetrina una canna da pesca in offerta speciale, completa di mulinello, e ben tre rapala,  (è un'esca generalmente metallica che assomiglia ad un pesciolino). Non seppi resistere alla tentazione e corsi subito a comprarmi il kit completo e poco dopo anch'io ero sul molo, i makerels sembrava facessero a gara per farsi pescare e i ragazzini ne tiravano su una gran quantità.

In piedi sul molo, sfidando anch'io il vento, presi la mia canna e lanciai l'amo il più lontano possibile, ma, dopo un paio di pesci ...cosa abboccò all'amo?

Un GABBIANO!!!  Giuro, mai mi era successo di andare  a pesca e prendere un volatile, e non crediate che non sia un affare serio! Subito il molo si è popolato di curiosi, io ero terrorizzata, non è cosa da tutti i giorni trovarsi a tu per tu con un gabbiano che, detto fra noi ha un'apertura alare di tutto rispetto ed un becco lungo ed acuminato col quale non è bene scontrarsi.  A tutto pensavo in quel momento  fuor che all'immagine romantica del gabbiano, fortuna che qualcuno dalla folla prese il coraggio a quattro mani  e, armato di guanti liberò il povero Jhonatan.

La sera al pub non si parlava d'altro, dell'italiana che era andata ad Ullapool per pescare un pesce ed  invece ...!

Che c'entra questo con la mia ricetta? I pesci mackerel che ho tentato di pescare quel giorno, altro non sono che sgombri.

 

sgombri-crudi.jpg

 

foto C.Sechi

 

Ingredienti:

6 sgombri sfilettati

il succo di un limone

la buccia grattugiata di un limone

una decina di pomodori secchi sott'olio

uno spicchio d'aglio

un ciuffo di prezzemolo

un cucchiaio abbondante di capperi sott'aceto

5-6 cucchiai di pangrattato

olio, sale

 

Fatti sfilettare gli sgombri in modo che i due filetti rimangano uniti per la coda e immergili nel succo di un limone , intanto metti nel frullatore:il pangrattato, lo spicchio d'aglio, i pomodori secchi, i capperi strizzati, il prezzemolo la buccia grattugiata del limone  frulla tutto insieme.

Metti un po' della farcia al centro di ogni filetto di sgombro, avvolgili su se stessi e infilzali con uno spiedino.

Metti un po' d'olio sul fondo di una teglia e inforna a 200°

per 15 minuti.


sgombri-cotti-2.jpg 

foto C.Sechi

Commenta il post

Post recenti

Ospitato da Overblog